Rilanciamo il comunicato diffuso da Medicina Democratica Napoli in occasione dello sciopero generale convocato da USB il 10 novembre. Nel comunicato si annuncia l’azione di protesta, promossa insieme al Coordinamento Sanità Campano, del Ticket Sociale. Una forma di sciopero alla rovescia con cui gli utenti bloccano losportello dei ticket e i lavoratori offrono gratuitamente il servizio sanitario. Abolire il ticket sanitario e costruire comitati di utenti e lavoratori in tutti gli ospedali del paese, sono le parole d’ordine che questo coordinamento si è dato. Buona lettura.

***

Comunicato Medicina Democratica Napoli su Ticket Sociale e Sciopero Generale del 10 novembre

VERSO LA MANIFESTAZIONE DEL 10 Novembre dei Sindacati di Base e del movimento per il diritto alle cure ed all’accessibilità dei servizi sanitari. Riproduciamo il codice del Lavoro che definisce lo Sciopero

Sciopero (d. lav.)

È uno strumento di lotta sindacale che assurge al rango di diritto costituzionalmente garantito e la cui titolarità spetta al singolo lavoratore. L’art. 40 Cost. riconosce il diritto di (—), consentendone l’esercizio nell’ambito delle leggi che lo regolano.
In particolare, nella sua forma tipica, esso consiste nell’astensione totale e concertata dal lavoro da parte di più lavoratori subordinati per la tutela dei loro interessi collettivi.

Trattasi di un diritto di libertà, individuale quanto alla titolarità, collettivo quanto al suo esercizio.
L’effettuazione di uno (—), stante la garanzia costituzionale, costituisce un fatto giuridicamente lecito e non una ipotesi di inadempimento contrattuale, per cui non può comportare l’insorgenza di alcuna responsabilità nei rapporti tra le parti.
Unico effetto dell’esercizio del diritto di (—) sarà la sola sospensione bilaterale delle due prestazioni fondamentali del rapporto di lavoro e cioè della prestazione del lavoro da parte dei dipendenti e della corresponsione della retribuzione da parte dei datori di lavoro. Al di fuori delle anzidette conseguenze, durante l’esercizio del diritto di (—), il rapporto di lavoro resta in vigore ed operante ad ogni altro possibile fine: ad es. per le prestazioni degli enti previdenziali che vengono regolarmente erogate al lavoratore anche durante il periodo di astensione dal lavoro.
I principi di cui sopra hanno trovato conferma nella stessa legislazione dapprima con la L. 15-7-1966, n. 604 che, all’art. 4, ha dichiarato nullo il licenziamento determinato dalla partecipazione ad attività sindacale (ivi compreso lo (—)) e, successivamente, con lo Statuto dei lavoratori che, agli artt. 15, 16 e 28 vieta e punisce ogni comportamento del datore di lavoro inteso a impedire o limitare l’esercizio del diritto di (—).

(—) nei servizi pubblici essenziali

Alcune norme sono volte a garantire il funzionamento dei servizi pubblici essenziali in occasione di scioperi proclamati dai lavoratori ad essi addetti. Tali leggi si prefiggono lo scopo di contemperare l’esercizio del diritto di (—) con il godimento dei diritti della persona, costituzionalmente tutelati, alla vita, alla salute, alla libertà ed alla sicurezza, alla libertà di circolazione, all’assistenza e previdenza sociale, all’istruzione ed alla libertà di comunicazione (art. 1 L. 146/90).
Con la L. 83/2000 la disciplina originaria della L. 146/90 è stata significativamente modificata e integrata, ed in particolare è stato ampliato il campo di applicazione della normativa che, originariamente circoscritto ai soli lavoratori subordinati occupati in servizi essenziali, ora si estende anche a lavoratori autonomi, professionisti o piccoli imprenditori (art. 2bis) in caso di astensioni collettive a fini di protesta o di rivendicazione di categoria che incidano sulla funzionalità dei servizi pubblici (ad esempio astensioni di avvocati, farmacisti, medici etc.).

Nei servizi essenziali l’esercizio del diritto di sciopero è consentito osservando le seguenti condizioni:

— adozione delle misure dirette a consentire l’erogazione delle prestazioni indispensabili per garantire le finalità che la legge stessa si prefigge;

— preavviso minimo non inferiore a dieci giorni, comunicato in forma scritta con indicazione della durata e delle modalità dello sciopero, nonché delle sue motivazioni;

— comunicazione alle utenze, da parte delle amministrazioni o aziende erogatrici di servizi pubblici essenziali, nelle forme adeguate, almeno cinque giorni prima dell’inizio dello sciopero, dei modi e dei tempi di erogazione dei servizi nel corso dello sciopero e delle misure per la riattivazione degli stessi (la tempestiva diffusione di tali comunicazioni deve essere assicurata dai giornali quotidiani e dalle emittenti radiofoniche e televisive pubbliche e private);
— esperimento, prima della proclamazione dello sciopero, di procedure di raffreddamento e di conciliazione, vincolanti e obbligatorie per le parti (datore di lavoro e sindacati);

— divieto del cd. effetto annuncio (o anche sciopero virtuale) in quanto la legge stabilisce che la revoca spontanea dello sciopero proclamato dopo che ne sia stata data informazione all’utenza costituisce forma sleale di azione sindacale.

PER ESSER CHIARI NELL’ASTENSIONE DAL LAVORO I LAVORATORI ( della SANITA’ in questo caso) possono ASTENERSI DAL RICHIEDERE IL TICKET per dare un segnale di opposizione all’Azienda e/o al governo senza arrecare danni all’utenza ,ed in particolare a quella popolare.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*