525 Visite

Nei giorni 30 settembre e 1 ottobre si terrà a Napoli una ulteriore tappa del percorso “Attuare la Costituzione”. Di seguito trasmettiamo il programma delle giornate

***

Sabato 30 settembre e Domenica 1 ottobre nasce a Napoli l’Associazione “Attuare la Costituzione”  Comunicato Stampa  Il 30 settembre e 1 ottobre, nel corso dell’Assemblea Generale, si costituirà a Napoli il Coordinamento Nazionale di “Attuare la Costituzione “. L’assemblea è in programma all’hotel Ramada, via Galileo Ferraris 40, dalle 10 di sabato 30.  Il Coordinamento darà vita a un’organizzazione apartitica e no profit, che lavorerà, senza obiettivi elettorali, al servizio della Società Civile, che attiverà e eserciterà la Sovranità Popolare dal basso, sia sul piano legislativo (Referendum e Proposte di legge di iniziativa popolare), che sul piano amministrativo e giudiziario (azione popolare). Come forza popolare interverrà nel dibattito generale, sulla formazione del consenso/dissenso, con ogni mezzo di comunicazione, affinché il Popolo possa sempre far sentire la propria voce, chiunque sieda in Parlamento e chiunque governi il Paese.  Dopo 70 anni di  “istituzioni rappresentative” che non sono riuscite ad attuarla, è oggi necessario riconoscere che la nostra Costituzione prevede anche forme necessarie di  “autogoverno” del Popolo, grazie al  potere-dovere della “Partecipazione di tutti all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” e in ossequio al II comma dell’art. 3 , confermato dall’ultimo comma dell’art. 118 della Costituzione : “I cittadini, singoli o associati, possono svolgere attività di interesse generale secondo il principio di sussidiarietà”.  Il successo del NO al referendum del 4.12.2016 ci ha restituito rivitalizzata la nostra Costituzione, ma i nostri legislatori hanno continuato a ignorarla, approvando leggi e provvedimenti contrari agli interessi del Popolo, favorevoli alle aziende multinazionali, alle banche e in genere alla finanza internazionale.  Le politiche neoliberiste in Europa e nel nostro Paese hanno trasformato il nostro sistema economico produttivo in un sistema predatorio, che consente alla finanza di creare denaro dal nulla e di mercificarlo, di scaricare sulla collettività i danni dei fallimenti e di acquisire a poco prezzo le nostre aziende strategiche e i nostri beni demaniali.  L’ultima modifica costituzionale degli articoli 81, 97 e 119 ha posto come finalità imprescindibile il pareggio di bilancio, introducendo in Costituzione un profondo contrasto con la finalità prevista in precedenza: la tutela della dignità umana e il progresso materiale e spirituale della società.  Dalle precedenti assemblee tenutesi a Roma, Milano, Napoli e Latina e dal confronto svolto per 2 anni da centinaia di partecipanti ai lavori (costituzionalisti, giuristi, sindaci, assessori, giornalisti, economisti, filosofi, sindacalisti, operai, imprenditori, etc…) è emerso che il pensiero neoliberista, finalizzato  all’accentramento della ricchezza nelle mani di pochi, escludendo l’intervento del Popolo e dello Stato nell’economia, si è  conclamato sin dal 1990 a colpi di “privatizzazioni/svendite” fino a raggiungere la situazione attuale, che esclude la “redistribuzione” della ricchezza quale fondamento e cemento del benessere collettivo. In questo quadro appare evidente che l’Italia è destinata a impoverirsi sempre più. Per evitarlo c’è un solo modo possibile, Attuare la Costituzione, specialmente quella parte relativa ai “Rapporti economici” (Titolo III della Parte I).  Durante la 2 giorni di Napoli, alla cui organizzazione sta lavorando il Comitato Promotore costituitosi in seguito all’appello di Paolo Maddalena, il Coordinamento Nazionale nominerà un Comitato Direttivo e ratificherà sia la nomina del Comitato dei Garanti (al quale hanno attualmente  aderito: Paolo Maddalena, Ferdinando Imposimato, Lidia Menapace, Raniero La Valle e Salvatore Settis) che quella del Comitato Scientifico, (al quale hanno fino ad ora aderito: Paolo Berdini, Tomaso Montanari, Alberto Lucarelli, Glauco Benigni, Patrizia Gentilini, Giulietto Chiesa, Antonio Ingroia, Albina Colella, Giuseppe Altieri, Alberto Micalizzi, Alberto Bagnai). Con la nascita del Coordinamento nazionale, la volontà è di procedere alla realizzazione di una Fondazione e alla formazione, in ogni Comune italiano, dei Comitati Cittadini per l’attuazione della costituzione, che completeranno l’architettura complessiva dell’organizzazione.   Per ulteriori informazioni:  https://www.facebook.com/events/1417390921702161 http://www.attuarelacostituzione.it/ attuarecostituzione@gmail.com  

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata