Questa mattina è stato occupato il Comune di Carrara, occupazione che andrà avanti ad oltranza, fino a quando l’attuale Amministrazione, responsabile del disastro che ha colpito la popolazione e la città non si dimetterà.

L’arroganza di questa classe politica si è manifestata nelle odiose parole del Sindaco Zubbani che si è presentato davanti ai suoi cittadini sostenendo che l’amministrazione non si sente in alcun modo responsabile dell’accaduto! La risposta della popolazione, quella che era lì presente e che rappresenta anche quella parte immersa con le ginocchia fino al fango a spalare, è stata immediata: Zubbani è stato costretto ad andarsene e i cittadini hanno proceduto con l’occupazione della sala consiliare.

Il P.CARC appoggia l’iniziativa dei cittadini di Carrara ed esorta all’autorganizzazione: alla costruzione di un’Amministrazione Comunale di Emergenze che agisca realmente negli interessi delle masse popolari, un’Amministrazione che stanzi, sin da subito, risorse per l’assesto del territorio creando, così, posti di lavoro per i numerosi disoccupati che popolano la nostra martoriata Provincia. Un’Amministrazione che intervenga seriamente sulla contraddizione rappresentata dalla crisi ambientale causata, in parte anche dalle estrazioni selvagge di calcio, praticate dalla multinazionale OMIA che pur di valorizzare il proprio capitale non si cura dei danni che la marmottola crea nell’intasamento dei fiumi. Un’Amministrazione che sappia trattare la contraddizione ambiente lavoro facendo investimenti necessari al territorio ed alla sua economia per creare posti di lavoro utili e dignitosi per tutti, insomma che sia espressione diretta di quanti, oggi, sono costretti a pagare il prezzo della crisi e che vogliono farla finita con questo sistema che spreme le masse popolari, che le condanna alla miseria, all’abbrutimento e le getta nella disperazione, quella stessa disperazione che ha vissuto la popolazione di Carrara ma che adesso possono riscattare con il loro protagonismo.

Questa è una grande occasione per la città di Carrara ma non solo; per tutta la nostra Provincia, che può divenire un esempio ed infondere fiducia nelle masse popolari sulla possibilità di creare una governabilità nuova, che risponda ai nostri interessi e non a quelli dei poteri forti.

L’intero Paese è in subbuglio e questa può essere la spinta, l’occasione per mostrare che la strada di una governabilità dal basso è l’unica strada fattibile per uscire dalla crisi.

Federazione Toscana Partito dei CARC

federazionetoscana@libero.it

333-1065972

www.carc.it

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*